Orgasmo femminile: cosa è e perchè non è sempre facile raggiungerlo?

“Cosa è per lei l’orgasmo?”

Ultimamente mi è capitato spesso, nella stanza del mio studio di Padova, di proporre questa domanda.

Molte donne trovano il coraggio di rivolgersi a me, e ai miei colleghi, perchè provano poco piacere quando fanno l’amore, perchè non ne provano affatto o perchè ne provano sì, ma non raggiungono l’orgasmo.

Ma cosa è il piacere? Cosa significa provarne poco? Cosa è poco e cosa è tanto? C’è quindi una quantità precisa di piacere che dobbiamo aspettarci quando facciamo l’amore? E soprattutto: cosa è l’orgasmo e come capisco se ho raggiunto l’orgasmo?

 L’orgasmo è …

una esplosione di sensazioni

piacevoli che dà un senso di

rilassamento e di appagamento

totale.

L’orgasmo è

un languore, è un piacere che

come fulmine esplode in

un’estasi di luce.

 

L’orgasmo è

perdita di coscienza

di sé, dissolvenza del

confine tra l’io e il

mondo.

Non per tutti l’orgasmo ha lo stesso significato. Ed è per questo che è importante partire dalla nostra visione personale. Cercare di darne una definizione precisa e sempre valida per tutti, non solo priva l’orgasmo di magia e di mistero, ma presuppone quasi che ci sia un’idea di orgasmo valida con cui confrontare il nostro. E sottintende inoltre che l’orgasmo debba esserci per forza e che sia l’obiettivo finale di un rapporto sessuale, figuriamoci essere soddisfatti se non lo si vive.

Nella sessualità non ci sono delle regole prestabilite. Non c’è un giusto o uno sbagliato, un poco e un tanto. E soprattutto, la nostra maniera di vivere il piacere, la nostra maniera di fare l’amore, la nostra maniera di vivere la sessualità è unica e legittima sempre, purchè non ci faccia soffrire.

Certo è che se per noi l’orgasmo rappresenta come nell’ultimo esempio, più o meno consciamente, “la perdita di coscienza di sé, dissolvenza del confine tra l’io e il mondo”, se l’orgasmo rappresenta profondamente (e simbolicamente) per noi quella che i francesi chiamano «La Pétite Morte», viverlo non è sempre facile ma anzi spaventoso, e viverlo in coppia richiedere poter riporre nell’altra persona una fiducia smisurata.

Umberto Galimberti diceva infatti, nel tentativo di descrivere cosa fosse l’amore che:

“L’amore è tra me e quel fondo abissale che c’è dentro di me, a cui io posso accedere grazie a te. L’amore è molto solipsistico; e tu, con cui faccio l’amore, sei quel Virgilio che mi consente di andare nel mio Inferno, da cui poi emergo grazie alla tua presenza (perché non è mica detto che chi va all’Inferno poi riesca a uscire di nuovo). Grazie alla tua presenza io emergo: per questo non si fa l’amore con chiunque, ma con colui/lei di cui ci si fida; e di che cos’è che ci si fida? Della possibilità che dopo l’affondo nel mio abisso mi riporti fuori.”

E di certo, perdermi nel mio abisso senza sapere se posso uscirne fuori non è per tutti così facile.

Fare un percorso psicosessuologico, in questi casi, permette di navigare nei nostri abissi piano piano, in maniera sicura e in compagnia, fino ad imparare a “nuotare” e tuffarci senza paura tutte le volte che lo desideriamo.

Dott.ssa Gammino, Psicologa  e Sessuologa Clinica a Padova

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *